05/02/2009

LIBRERIE DI SIMBOLI A LIBERA DIFFUSIONE: UNA RISORSA PER GLI INTERVENTI DI COMUNICAZIONE AUMENTATIVA ALTERNATIVA (CAA) 

(Dott.ssa Francesca Caprino)

PRIMA PARTE

Una premessa

Abbiamo analizzato in un contributo precedente (I sistemi grafici in Comunicazione Aumentativa e Alternativa) alcuni criteri di scelta dei sistemi simbolici utilizzabili negli interventi di Comunicazione Aumentativa e Alternativa.

 

Con l'articolo di questo mese riprendiamo l'argomento descrivendo alcune librerie di simboli ed immagini, prelevabili gratuitamente dalla rete, che possono essere utilizzate con bambini con deficit severi del linguaggio per la messa a punto di materiali, in formato cartaceo o elettronico, a sostegno di interventi che prevedano l'utilizzo di strategie di CAA.

 

Più in dettaglio, le librerie che saranno descritte contengono immagini o simboli (ad esempio pittogrammi) che possono essere utilizzati in ambito didattico e riabilitativo con le finalità elencate di seguito.

  • Costruire tabelle di comunicazione cartacee.
  • Mettere a punto, con l'ausilio di specifici software (ad esempio Mind Express –Jabbla-, o Clicker5 – Crick Software-, Speaking Dinamically Pro -Mayer Johnson-), tabelle di comunicazione in formato digitale.
  • Costruire tabelle di comunicazione per comunicatori portatili con uscita in voce (Vocas).
  • Elaborare libri accessibili o altro materiale didattico sia in formato cartaceo, che in formato digitale.
  • Costruire tabelle ed altro materiale che riportino attività o programmi giornalieri.
  • Produrre etichette iconiche da utilizzarsi per demarcare oggetti o aree di lavoro.

Attualmente la quasi totalità delle librerie di simboli commerciali (ad esempio la libreria di simboli PCS) e di libera diffusione, come quelle che andremo a descrivere, è presente in formato digitale.

Disporre di simboli e immagini in formato digitale comporta degli indubbi vantaggi. Utilizzando i comuni programmi per PC, o software dedicati (ad esempio Mind Express), è infatti possibile elaborare: tabelle elettroniche o cartacee, caselle iconiche per tastiere riconfigurabili o comunicatori portatili con uscita vocale (Vocas), esercizi personalizzati creati con software ad hoc ed altri materiali atti a favorire la comunicazione, l'apprendimento e l'autonomia.

Disporre di immagini in formato digitale rende inoltre possibile modificare o invertire i colori, intervenire sulle dimensioni e sull'etichetta di testo.

 

Attualmente sono presenti sulla rete numerose risorse che mettono gratuitamente a disposizione librerie di simboli anche di ottima qualità, sia sotto il profilo della forma grafica,che della varietà degli elementi presenti.

 

Si tratta di materiali elaborati in contesti diversi: alcune librerie sono state specificamente ideate per essere utilizzate da persone con assenza di linguaggio o con severe compromissioni in quest'area, altre librerie nascono invece come supporto all'autonomia, all'apprendimento ed alla comunicazione di persone con deficit nell'area cognitiva o con autismo.

 

Vi sono infine alcune librerie costituite non da simboli, ma da immagini (clipart) raffiguranti per lo più oggetti di vita quotidiana, progettate per un uso di tipo didattico (costruzione di esercizi multimediali o di tipo ‘carta e penna'), ma che possono nondimeno essere proficuamente utilizzate con chi si avvale di strategie di CAA.

 

Le risorse disponibili: sistemi simbolici elaborati per utilizzatori di CAA

 

Cominciamo la nostra rassegna con How it is, un'interessante risorsa costituita da un set di simboli elaborato da RuthMarchant per conto di due organizzazioni no profit anglosassoni, Triangle e NSPCC (The National Societyfor thePrevention of Cruelty to Children), per rispondere alle esigenze comunicative di bambinie ragazzi con deficit severi del linguaggio parlato che utilizzano sistemi di Comunicazione Aumentativa eAlternativa.

How it is si compone di una serie di simboli che sono stati sviluppati per aiutare i bambini a comunicare su una serie di argomenti relativi alla sfera personale. I simboli sono stati realizzati all'interno di un progetto che, attraverso una metodologia centrata sull'utente, ha coinvolto oltre cento bambini e adolescenti (disabili e non) che hanno contribuito alla loro selezione.

Un ulteriore criterio di scelta è stato dato dall'analisi della letteratura scientifica e dei libri per l'infanzia, oltre che dalle esperienze portate da professionisti dell'educazione e della riabilitazione e da genitori.

I simboli selezionati, in tutto 383, suddivisi in cinque diverse categorie (emozioni, sicurezza e diritti,vocabolario generale, sessualità, cura personale), sono stati successivamente testati con un campione significativo di i bambini per verificarne la pregnanza simbolica.

Dal momento che la principale autrice di questa libreria si occupa da molti anni,per conto dell'associazione NSPCC, di bambini disabili che hanno subito molestie sessuali o altri maltrattamenti, la selezione dei simboli comprende la rappresentazione grafica di situazioni di: adescamento, minaccia e abuso fisico, oltre che stati psichici connotati da disagio.

Le immagini di How it is, per le caratteristiche appena descritte, sono state utilizzate come supporto alla comunicazione in ambito processuale.

 

 

Figura 1 -Alcune immagini della libreria How it is: “Felice”, “No, non farlo!”, “Fai silenzio!”, “Rilassarsi”, “Vai via !”

Il set di immagini non può essere scaricato in un'unica soluzione, è infatti necessario prelevare le immagini singolarmente per mezzo di un semplice strumento di navigazione presente sul sito.

 

Ancora più accurati, sotto il profilo grafico, sono i simboli Imagine, progettati per utenti di CAA e costituiti da una libreria di 4000 simboli a colori suddivisi in decine di categorie e sotto-categorie che rappresentano realisticamente oggetti, azioni e situazioni di vita quotidiana (ad esempio sport, tempo libero, religione, trasporti, salute, parti del corpo, abbigliamento, dispositivi elettronici,tecnologie assistive).

Questa libreria, che può essere scaricata integralmente (in formato compresso), esiste anche in una versione commerciale.

 

       

Figura 2 - Simboli della libreria Imagine (‘piatto', ‘appuntito', ‘ruvido', ‘tagliente', ‘bagnato')

Imagine, per la numerosità e la qualità dei simboli e per la presenza di raffigurazioni iconiche di parti del discorso come aggettivi, verbi, e pronomi (elementi che difficilmente compaiono nelle altre librerie), costituisce senza dubbio una delle più interessanti risorse gratuite a supporto della CAA reperibili sulla rete.

Rimandiamo al prossimo articolo per la descrizione di librerie di simboli elaborate per persone con disabilità cognitive o autismo e delle librerie di immagini didattiche utilizzabili in interventi di CAA.

 

Dott.ssa Francesca Caprino

 

Altri articoli presenti sul nostro sito

I sistemi grafici in CAA /archivio4.htm

La comunicazione Aumentativa e Alternativa /archivio1.htm

 

Link

How it is http://www.howitis.org.uk/index.htm

Imagine symbols http://www.imaginesymbols.com/home.htm