04/02/2010

SOFTWARE PER LA PREVISIONE DI VOCABOLO 

(Ing. Rosaria Militello)

  UN AUSILIO PER LE DIFFICOLTA' DI SCRITTURA. II° parte: risorse freeware

 

L'articolo di questo mese, dedicato in particolare a coloro che hanno difficoltà nel movimento degli arti superiori e utilizzano sistemi d'accesso al PC alternativi oppure usano la tastiera standard ma con qualche difficoltà, si integra e completa quanto riportato nell'articolo del mese di novembre con alcuni suggerimenti rispetto alle risorse liberamente scaricabili in rete. Rimandiamo dunque al precedente articolo chi desidera ulteriori approfondimenti sull'argomento.

 

Per la scrittura di documenti al computer, le soluzioni commerciali e gratuite sono tante; qui di seguito ricordiamo un'interessante soluzione freeware di OpenWriter, un software di video scrittura che fa parte del pacchetto OpenOffice, una suite di applicativi Open Source, simile al pacchetto Microsoft Office, ma liberamente scaricabile dal sito http://it.openoffice.org/download/

Con OpenWriter è possibile attivare l'opzione completamento parola che consente il suggerimento dei vocaboli man mano che si digita. Per scrivere l'intera parola basta premere invio accettando così il suggerimento.

Ecco come attivarlo: dal menu “Strumenti” scegliere “Correzione Automatica”.

Selezionare anche tutte le seguenti opzioni:

  • Attiva completamento parola,
  • Raccogli parole (serve per memorizzare le parole che man mano l'utente digita),
  • Prima di chiudere un documento salva l'elenco per poterlo riutilizzare.

Sulla voce lunghezza minima parola è conveniente mettere il numero 6, per agevolare l'utente nella scrittura di parole a partire da una lunghezza media; consigliamo inoltre di aumentare il numero massimo di voci a 2000, in modo che il programma registri un buon numero di vocaboli così da rendere efficace la predizione.

La prima volta che si usa OpeWriter, il completamento di parola non è attivo perché il programma deve registrare le voci, è dunque necessario scrivere mezza pagina di testo e salvare; a questo punto sarà attivato. Quando l'utente scriverà i primi tre caratteri verrà dato un suggerimento e, se il suggerimento corrisponde a ciò che l'utente desidera scrivere, sarà sufficiente premere invio e la parola verrà scritta interamente.

Questo sistema è ovviamente limitato all'uso di Open Office.

 

Se si vuole facilitare l'immissione di testo in qualsiasi programma, comprese le chat ed i social network, basta utilizzare un software di predizione di vocabolo, come ad esempio letMe type, scaricabile liberamente dalla rete http://www.clasohm.com/lmt/en/

Il funzionamento è molto semplice: subito dopo l'installazione il vocabolario è vuoto, le parole vengono automaticamente memorizzate durante le operazioni di scrittura. Il programma attiva dei suggerimenti multipli sulla base del vocabolario gradualmente memorizzato. Ad esempio, scrivendo “ gi” compare una finestra con le parole che il software ha in memoria e che cominciano per queste due lettere; a questo punto basta premere il numero corrispondente alla parola voluta e verrà scritto l'intero vocabolo.

 

                     

LetMe type è un software non legato ad un particolare applicativo; per questo motivo è possibile utilizzarlo nei diversi ambienti Windows. L'utente che vuole chattare, può utilizzarlo ad esempio all'interno di un social network. Segnaliamo infatti che LetMe Type è già stato sperimentato con la chat di Facebook ed è stato constatato che funziona bene quando la digitazione è lenta. In caso contrario il programma tende a bloccarsi, probabilmente perché è stato pensato per coloro che scrivono lentamente.

 

Ing. Rosaria Militello

Articolo tratto da http://mammedegliangeli.blogspot.com/2010/01/non-solo-sma-1-alcune-soluzioni.html