.

La normativa che stanzia nuovi fondi per la DaD accessibile

Il decreto del Ministro dell'istruzione 26 marzo 2020, n. 187 dispone la ripartizione delle risorse stanziate con l'articolo 120 del decreto-legge 18 del 2020 per la didattica a distanza, corredato dalle relative Indicazioni operative per le Istituzioni scolastiche ed educative 

L'allegato 1 al DM 187 riporta l'importo esatto della somma disponibile per codice meccanografico di ciascuna istituzione scolastica.

Le risorse messe a disposizione con questi provvedimenti devono essere utilizzate nel rispetto dei criteri di accessibilità per le persone con disabilità, come previsto espressamente anche dalla nota prot. 388 del Ministero dell'Istruzione, che fa esplicito riferimento alla dotazione di ausili e sussidi didattici da fornire agli alunni con disabilità ed anche a quelli con DSA e BES non certificati.

Speciale Calabria

Un Accordo Quadro tra la Regione Calabria e il Ministero dell'Istruzione stanzia ulteriori fondi per l'acquisto, tra l'altro, di

strumentazione necessaria (come ad esempio software di sintesi vocale, ausili alla didattica, device adattati ecc.) per gli alunni e studenti disabili, per i soggetti affetti da disturbi dell’apprendimento e/o in possesso di diagnosi ai sensi della Legge 170/2010 e per alunni con BES, al fine di garantire a ciascuno pari opportunità̀ di accesso all’attività̀ didattica a distanza

Sintesiallegati

Gli strumenti d'acquisto

Per acquisire dispositivi che garantiscano l'acceso alla didattica a distanza, le istituzioni devono avvalersi in primo luogo delle Convenzioni quadro Consip e del Me.Pa. e qualora non sia possibile ricorrere a questi strumenti, possono provvedere "[…] anche in deroga alle disposizioni del decreto legislativo 18 aprile 2016, n. 50" (codice dei contratti pubblici). 

A questo proposito ricordiamo che con la Legge di Bilancio per il 2019 è cambiata la soglia oltre la quale le pubbliche amministrazioni sono obbligate a ricorrere al Mercato elettronico della pubblica amministrazione (MEPA). L'art. 1, comma 130 della legge 30 dicembre 2018, n. 145 ha innalzato la soglia per non incorrere nell’obbligo di far ricorso al MEPA da 1.000 euro a 5.000 euro; pertanto le pubbliche amministrazioni non sono più obbligate a ricorrere al mercato elettronico per forniture di beni di importo inferiore ai 5.000 euro.

Risorse ed esperienze

Sul sito del Ministero dell’Istruzione è stata allestita un'area dedicata alla didattica a distanza con una sezione dedicata all'inclusione via web che riporta ad una sezione ancora più specifica EMERGENZA Covid-19 #scuolainclusivaacasa

Normativa inclusione è un gruppo facebook curato dal prof. Flavio Fogarolo che analizza e risponde in merito agli aspetti normativi dell'inclusione.

Alcune esperienze ed un primo punto della situazione sono stati raccolti e condivisi con l'iniziativa "Oltre le distanze"

Nel nostro piccolo, vogliamo condividere una storia in simboli con alcune attività correlate che si può scaricare QUI in formato PDF. Sfogliando le pagine attraverso un monitor condiviso su una delle tante piattaforme ora disponibili, è possibile proporre agli alunni in difficoltà una piacevole lettura, che annulli per un momento la distanza e le barriere.

Quali ausili acquistare?

In questo periodo di emergenza, gli alunni più fragili sono spesso quelli maggiormente penalizzati nell'utilizzo delle tecnologie per lo svolgimento della didattica a distanza: in molti casi non hanno a disposizione, al domicilio, gli ausili necessari per rendere accessibili anche a loro le nuove modalità di interazione con compagni e docenti. Tablet con software specifico, notebook reversibili, tastiere semplificate e sistemi di puntamento alternativi al mouse possono in questi casi rappresentare un valido aiuto per consentire una partecipazione attiva.

Nell'impossibilità di effettuare valutazioni dirette con gli utilizzatori  -per verificare l'efficacia degli strumenti da proporre per colmare questo gap-  ed in mancanza di indicazioni specifiche, occorre procedere con attenzione alla ricerca di strumenti che possano davvero incontrare le esigenze dell'utilizzatore finale.

Per sostenere questo percorso di scelta, noi di Leonardo Ausilionline ci rendiamo disponibili per valutare insieme ipotesi e progetti, sulla base delle competenze tecniche acquisite dalla nostra azienda nel campo delle tecnologie assistive, maturate sia nella scelta sul mercato degli ausili da proporre, sia nella valutazione diretta della loro efficacia durante le consulenze svolte con gli utenti.

Siamo disponibili ad incontri a distanza per illustrare diverse aree tematiche; richiedeteci un incontro personalizzato: è un servizio che offriamo gratuitamente.

Consultate le nostre GUIDE per orientarvi tra le diverse categorie di ausili, oppure compilate una richiesta di consigli o contattateci al telefono (0522 923770 per pacchetti già configurati o da personalizzare con software didattici e per la comunicazione; 0522 1607252 per ausili per ipovedenti e non vedenti e per l'accesso al pc) o agli altri nostri recapiti: saremo lieti di offrire la nostra consulenza senza alcun impegno.