31/10/2008

HANDImatica 2008: TECNOLOGIE PER LA QUALITA' DELLA VITA 

(e mail:)

 

Vogliamo dedicare l'articolo di questo mese alla mostra-convegno nazionale Handimatica che si realizzerà a fine novembre a Bologna. Riteniamo importante dare spazio e quest'evento che riteniamo la più importante manifestazione italiana inerente l'informatica e la disabilità. Ringraziamo la fondazione Asphi per averci inviato questo contributo.

HANDImatica è la principale mostra-convegno a livello nazionale, ideata e organizzata da ASPHI, sulle tecnologie informatiche e telematiche applicate alla disabilità.

La Fondazione ASPHI Onlus si occupa da quasi 30 anni di disabilità e informatica.

La sua mission consiste nel “promuovere l'integrazione delle persone disabili nella scuola, nel lavoro e nella società attraverso l'uso dell'ICT ( Information Communication Technology )”.

 

I temi conduttori

 

HANDImatica 2008 si incentra su un'idea: l'incontro con la tecnologia può contribuire a cambiare la vita, migliorandone la qualità, soprattutto a persone disabili e anziani.

La visione dell'handicap è attualmente frutto dell'integrazione di due modelli, medico e sociale, cioè cura dell'aspetto sanitario insieme a considerazione dei fattori socio ambientali.

Questa edizione di HANDImatica intende approfondire e sviluppare principalmente il tema dell'adattamento dell'ambiente alla persona: un ambiente sempre più “costruito”, dove le tecnologie ICT (Information Communication Technology) possono rendere disponibili prodotti e servizi destinati ad una ampia popolazione, a partire dalle persone con disabilità fino alle persone anziane.

Altri importanti temi, quali l'ICF (Classificazione Internazionale del Funzionamento, della Salute e della Disabilità) dell'Organizzazione Mondiale della Sanità, la recente dichiarazione dell'ONU sui diritti delle persone con disabilità, il continuo e rapido sviluppo della tecnologia delle reti, del mobile, del wireless, troveranno idonea collocazione e coerente rilievo nell'ambito della manifestazione.

La giornata di apertura della manifestazione (giovedì 27 novembre) sarà dedicata al tema delle ESPERIENZE. La valorizzazione delle buone pratiche e le testimonianze daranno un ampio quadro di riferimento su applicazioni e situazioni dell'uso inclusivo dell'ICT.

Il focus sarà sul mondo della Scuola e del Lavoro senza dimenticare l'infanzia e la terza età.

Il convegno plenario del mattino “Dall'infanzia alla vita adulta", verrà affiancato da seminari e laboratori che approfondiranno le più significative esperienze di inclusione.

Verranno illustrate le possibilità che le tecnologie informatiche offrono per trattare i disturbi specifici di apprendimento nelle attività scolastiche e come certe strategie e   tecniche possono intervenire nel favorire la comunicazione e le relazioni nell'ambito della disabilità sensoriale.

Altro elemento di rilievo sarà l'esperienza degli studenti disabili che hanno concluso o stanno concludendo con successo gli studi universitari.

Si illustreranno poi le opportunità concrete che l'impiego delle tecnologie ICT aprono nel mondo del lavoro.

Così, attraverso le esperienze scolastiche e lavorative, si rifletterà sul processo di inclusione che, iniziando da una generale “esclusione”, ha attraversato trent'anni di storia del nostro Paese aprendo importanti prospettive per il futuro.

Costituiranno altri argomenti innovativi trattati nella prima giornata: le uguali opportunità di accesso alle risorse digitali non solo per le persone disabili, ma anche per gli anziani e in generale per tutti i cittadini, i sistemi di ausili più avanzati, la tecnologia robotica per una migliore qualità della vita, l'accessibilità dei testi che possono diventare “leggibili” anche da persone con serie limitazioni sensoriali

 

La seconda giornata (venerdì 28 novembre) avrà come tema la TECNOLOGIA informatica e delle telecomunicazioni.

L'ICT (Information Communication Technology) costituisce un vero e proprio ambiente all'interno di un altro ambiente in continuo cambiamento con la conseguente nascita, accanto a grandi opportunità, di difficoltà e resistenze. Entrambi verranno analizzati e discussi in particolare per gli effetti che possono produrre nei confronti delle persone con disabilità. Il “mobile-worker” e le comunicazioni wireless costituiranno gli argomenti centrali della giornata convegnistica.

Al mattino ci sarà il convegno “La tecnologia informatica e delle telecomunicazioni per una società accessibile". A seguire un seminario che mette in luce le potenzialità e le innovazioni della “scuola digitale”. Il principale luogo di apprendimento può dunque evolvere da struttura tradizionale a ambiente attrezzato con le tecnologie più moderne che favoriscono il processo di integrazione e vanno a vantaggio di tutti, insegnanti e gli alunni, con o senza disabilità.

Anche la casa può trasformarsi in un ambiente più funzionale attraverso le applicazioni specifiche della domotica che, partendo dall'analisi dei bisogni dell'individuo, realizza ambienti sicuri che favoriscano la massima autonomia possibile.

Anche in questa seconda giornata, il mondo del lavoro sarà oggetto di analisi, soprattutto si cercherà di fornire alcune indicazioni utili, coinvolgendo le aziende e gli imprenditori sia per quanto riguarda la gestione delle persone, sia per quanto riguarda l'impiego delle nuove tecnologie per favorire i processi di reale e soddisfacente inserimento produttivo.

Tra tecnologia e legislazione, è l'argomento principale di un laboratorio rivolte alle persone sorde.

Tra tecnica e creatività, è il tema di un altro laboratorio che ha come oggetto i libri modificati e la Comunicazione Aumentativa/Alternativa.

 

La giornata conclusiva (sabato 29) sarà dedicata alla PARTECIPAZIONE.

“Partecipazione” nel senso più ampio del termine.

Nella scuola apprendere è anche partecipare, in azienda lavorare è partecipare, il tempo “libero” propone sempre più ampi spazi di partecipazione nel gioco, nei momenti di svago, nello sport, nella comunità ecc.

Le persone con disabilità potrebbero trovare, anche attraverso le tecnologie, modalità nuove di partecipazione alle diverse fasi della vita per essere cittadini pienamente attivi e consapevoli.

Il convegno del mattino affronta infatti il tema “La partecipazione oltre la scuola e il lavoro”.

Si continuerà con un'ampia panoramica sul tema della comunicazione in generale: Aumentativa/Alternativa, sperimentazioni delle web radio, fruizione artistica, accesso alla letteratura, turismo e sport.

La giornata prevede inoltre una importante tavola rotonda istituzionale.

Come sempre in tutte le tre giornate sarà disponibile lo “Spazio Libero” il luogo aperto alle associazioni, alle scuole, alle organizzazioni non profit in generale che offre l'opportunità di condividere pubblicamente le pratiche dirette e le sperimentazioni che scaturiscono della grande area del volontariato e dell'impegno socialmente caratterizzato.

 

 

Presentazione di Gabriele Gamberi – Capo Progetto HANDImatica 2008

 

HANDImatica 2008 si presenta, sotto molti aspetti, assai rinnovata rispetto alle edizioni precedenti. Sono in preparazione tante novità: nuovi spazi espositivi, nuovi spazi di partecipazione, nuove opportunità e altro ancora.

 

Aree tematiche e percorsi

Innanzi tutto i nuovi spazi espositivi che offrono nuove opportunità, oltre ad essere molto più ampi rispetto alle edizioni precedenti, verranno organizzati in otto percorsi tematici:

Comunicabilità (comunicazione nell'ambito della disabilità sensoriale)

Ambienti per l'apprendimento (tecnologie per la scuola, la didattica, la formazione)

Accessibilità (ai siti internet, ai testi scritti, alla cultura ecc.)

Mobilità (opportunità di movimento, di relazione e di partecipazione)

Abitabilità (adattamento domestico, ambiente favorevole per la scuola, per il lavoro, per il tempo libero)

I Diritti (azioni di enti, istituzioni al lavoro, associazioni a favore delle persone svantaggiate)

Impiegabilità (inclusione lavorativa, i mestieri possibili)

Nuovi spazi di partecipazione (sport, cultura, tempo libero)

 

Spazi di partecipazione, dialogo e aggiornamento

Uno degli obiettivi di Handimatica 2008 è quello di creare uno spazio di partecipazione favorevole a tutti, che aiuti a trovare soluzioni, verificare esperienze, conoscere strumenti e sistemi che possano migliorare la qualità della nostra vita.

Le tre giornate di incontro costituiranno anche l'occasione per dare spazio a tematiche delle quali è importante dibattere: convegni di “respiro” nazionale o internazionale, seminari di approfondimento, workshop pratici, presentazioni di esperienze, consentiranno di aggiornarsi sulle nuove tecnologie e sui loro possibili utilizzi per l'integrazione . Essi propongono numerose novità rispetto all'attuale elenco di prestazioni e servizi e, in particolare per quello che riguarda HANDImatica, il decreto contiene anche il nuovo “nomenclatore tariffario dei presidi, delle protesi e degli ausili”.

 

Nata da un'esigenza

 

Questa è HANDImatica di oggi. Ma qual è l'origine di questa idea? Cosa ha offerto di nuovo negli anni?

Nell'ambito del SIOA (salone dell'informatica e della organizzazione aziendale, che si teneva presso la Fiera di Bologna), ASPHI organizzò nel 1989, all'interno dello stand di IBM Italia, una mostra specifica sull'utilità degli strumenti informatici per le persone disabili. Le fu dato il nome di HANDImatica. L'iniziativa incontrò subito un buon successo, facendo capire che c'era bisogno di un momento informativo come quello, per le persone disabili e chi era coinvolto nelle loro problematiche.

Infatti molte sono le persone con i deficit più diversi che sono state aiutate dalle tecnologie ICT (Information Communication Technology), o che potrebbero esserlo. Persone con deficit gravi, a cui sarebbe negata la possibilità di muoversi, di leggere, di scrivere, persino di parlare, possono in molti casi muoversi in autonomia, comunicare, esprimersi. Non sempre però i destinatari di queste soluzioni sono nelle condizioni di goderne pienamente, per una serie di impedimenti conoscitivi, economici, normativi. In questa situazione si avverte la necessità di dare nuovo impulso alla ricerca, sostenere lo sviluppo di nuovi prodotti e la loro diffusione e creare un'occasione d'incontro tra domanda di soluzioni ICT e offerta, da parte dei produttori e distributori di tecnologie.

HANDImatica nasce da questi presupposti: creare una manifestazione specializzata che faccia il punto sulle ICT per l'integrazione delle persone disabili, con l'obiettivo di diffondere cultura, informare e formare sulle opportunità esistenti.

L'altro obiettivo fondamentale della mostra-convegno è quello di fornire una possibilità di incontro fra domanda e offerta: dibattere temi di interesse collettivo con l'obiettivo di proporre e suggerire idee e piste di lavoro, creare una occasione di scambio di informazioni e di confronto per le Istituzioni.

 

 

Una storia che continua

Dal 1997, l'iniziativa ha cominciato dunque a ripetersi, con scadenza biennale, alla fine di novembre presso il Palazzo dei Congressi di Bologna.

Secondo una formula ormai consolidata, HANDImatica è articolata in due parti distinte:

•una mostra, riservata alle aziende produttrici e fornitrici di hardware e software e alle strutture (sia pubbliche che private) che erogano servizi informatici e telematici per l'handicap e alla presentazione e diffusione di esperienze sviluppate nel settore;
•un'area destinata a convegni, seminari e incontri su una vasta gamma di argomenti: dai servizi telematici per disabili ai progetti di formazione e inserimento al lavoro, dagli strumenti multimediali a sostegno della formazione dei docenti ai contributi forniti dall'informatica alla prevenzione e alla riabilitazione.

Tutto ciò fa di HANDImatica un appuntamento atteso e seguito. L'edizione 2006 ha registrato 5800 partecipanti, a cui si aggiungono 1250 presenze virtuali, cioè persone che hanno seguito i convegni in Internet, attraverso la diretta streaming.

“È una bellissima sensazione partecipare per la prima volta a un evento nel quale vengono usati diversi tipi di linguaggio (parlato, scritto e dei segni), per permettere al maggior numero di persone di partecipare", ha detto un visitatore, intervistato durante la scorsa edizione.

La partecipazione, dunque, è sempre in primo piano e rimane al centro di anche dell'edizione 2008, che si svolge in un anno in cui ci piace ricordare due importanti ricorrenze. In primo luogo, il 60° anniversario della Costituzione italiana che, all'articolo 3, dopo aver sancito la pari dignità sociale e l'uguaglianza dei cittadini davanti alla legge senza alcuna distinzione, stabilisce: “È compito della Repubblica rimuovere gli ostacoli di ordine economico e sociale che, limitando di fatto la libertà e l'eguaglianza dei cittadini, impediscono il pieno sviluppo della persona umana e l'effettiva partecipazione di tutti i lavoratori all'organizzazione politica,economica e sociale del Paese” .

Inoltre, nel 2008 ricorrono anche i 60 anni dalla Dichiarazione universale dei diritti umani, la carta che rappresenta uno dei pochi punti di riferimento universali che tengono insieme l'umanità. Se non ci fosse la Dichiarazione universale dei diritti dell'uomo, oggi probabilmente il mondo sarebbe infinitamente più conflittuale e più violento. L'impegno di partecipazione e inclusione che ci sforziamo di avere ogni giorno verso le persone più deboli e che poniamo in primo piano a HANDImatica, nasce anche dal voler continuare ad affermare questi diritti.

 

LE NOVITA' EDIZIONE PER EDIZIONE

In una veloce carrellata ci piace ricordare alcune delle novità che hanno caratterizzato le precedenti edizioni di Handimatica

1998: viene presentato il percorso culturale “Abilità in corso …”, esempi di ostacoli e possibili soluzioni informatiche a fronte delle diverse disabilità.

2000: il percorso viene sviluppato e diventa "Simulando", che mostra al visitatore la simulazione di diverse situazioni di disabilità in relazione alle tecnologie informatiche, proponendo per ciascuna possibili soluzioni e strumenti di integrazione.

2002: le persone disabili possono sostenere, in una saletta appositamente attrezzata, uno o più test validi per l'ottenimento dell'ECDL (European Computer Driving Licence), la cosiddetta "patente europea per il computer", riconosciuta e richiesta in molti ambiti lavorativi.

2004: per la prima volta, grazie alla sponsorizzazione di ACANTHO e CINECA e alla collaborazione con Bologna Congressi, è possibile seguire tutti i convegni presentati in Sala EUROPA in diretta Audio-Video su Internet grazie alla modalità "streaming" che consente la fruizione di contenuti audiovisivi in tempo reale. Tra le altre novità di questa edizione, l'allestimento di un'edicola per la distribuzione gratuita di materiale informativo su diversi temi legati alla disabilità e la presenza di “Donatori di Voce”, messi a disposizione dal Centro Internazionale del Libro Parlato "A. Sernagiotto" di Feltre, che animano la mostra attraverso la   lettura ad alta voce di alcuni brani. 

2006: il titolo "Accessibilità misura di civiltà “ intende sviluppare l'idea che in un mondo ideale le persone svantaggiate non incontrerebbero “barriere”, per cui tanto più un paese si avvicina a questo modello, tanto più può ritenersi civile. Per ciascuna delle tre giornate viene dunque scelto un tema principale (l'apprendimento, le tecnologie, la comunicazione), sviluppato nella mattinata e poi ripreso nel pomeriggio con seminari e laboratori.

 

Fondazione ASPHI Onlus

 

Avviamento e Sviluppo di Progetti

per ridurre l'Handicap mediante l'Informatica

Via Arienti 6 – 40124 Bologna

tel. 051.277811 - www.asphi.it

Contatti HANDImatica

Tel. 051.277825-823 Fax 051.227801

e-mail: handimatica@asphi.it

Informazioni aggiornate sul sito

www.handimatica.it