IL TABLET: FAVORISCE LA DISABILITA', MA IN CHE SENSO?