26/04/2011

DA VIDEOGIOCO AD AUSILIO PER LA CAA: NINTENDO DS 

(Dott.ssa Francesca Caprino)

Con l’articolo di questo mese torniamo sul tema degli ausili per la Comunicazione Aumentativa e Alternativa, dando conto di alcune interessanti esperienze realizzate utilizzando un diffusissimo videogioco: Nintendo DS.

Un ausilio è uno strumento che migliora la qualità di vita della persona con disabilità sviluppandone le potenzialità, compensando le diverse limitazioni funzionali, siano esse motorie, visive, uditive, intellettive o del linguaggio e contribuendo a favorirne l’autonomia.

Un ausilio può essere un prodotto progettato e realizzato per rispondere alle speciali esigenze di chi presenta una disabilità o un prodotto reperibile nei comuni canali commerciali che per le sue caratteristiche funzionali si presta ad essere utilizzato a supporto delle attività di vita quotidiana.

A titolo di esempio possiamo citare il caso delle tante tecnologie e servizi per la comunicazione (telefonia mobile, videotelefono, fax, posta elettronica) che, pur non essendo state pensate come tecnologie di ausilio hanno di fatto rivoluzionato la vita dei sordi compensandone le limitazioni sensoriali e amplificandone le potenzialità comunicative.

Recentemente sono state sviluppate delle applicazioni che mirano a trasformare dispositivi hardware per il gioco in strumenti per la comunicazione aumentativa e alternativa utilizzabili da parte di persone con limitazioni severe del linguaggio (come ad esempio l’autismo).

E’ questo il caso di alcuni software per il Nintendo DS.

Il DS è una console per videogiochi portatile immessa sul mercato dalla Nintendo a partire dal 2004; si presenta come un dispositivo richiudibile dotato di due schermi LCD (di cui uno tattile), di alcuni pulsanti e di un microfono incorporato.

Questo sistema ha avuto un enorme successo commerciale: basti pensare che nel 2010 è stata raggiunta la ragguardevole somma dei 144 milioni di pezzi venduti in tutto il mondo.

La prima persona ad utilizzare il Nintendo DS come sistema per la comunicazione aumentativa e alternativa è stata, nel 2007, la tedesca Uwe Beiküfner, madre di Anselm, un ragazzo con disturbo dello spettro autistico, che desiderava trovare uno strumento in grado di aiutare il figlio a esprimere più chiaramente i suoi desideri, a parlare e ad apprendere a leggere.

La Beiküfner ha realizzato per questi motivi un’applicazione freeware – il Nintendo DS Talker - per trasformare la popolare console per videogiochi in un comunicatore con uscita vocale.

Successivamente il programma – che può essere personalizzato al computer e successivamente copiato sul  Nintendo DS – è stato diffuso gratuitamente.

Il Nintendo DS Talker può essere impiegato  con Nintendo DS e Nintendo DS lite, è in tedesco ma è stato realizzato un manuale in inglese che permette agli utenti di creare file audio nella lingua desiderata.

Le immagini adottate sono quelle del sistema di pittogrammi a libera diffusione Sclera, se lo si desidera è però possibile utilizzare librerie personalizzate, come ad esempio quella dei simboli PCS.

 tabella creata con DS talker        tabella creata con ds talker 

Figura 1 Alcune tabelle di comunicazione realizzate con il programma Nintendo DS Talker.

L’idea della Beiküfner è stata in seguito ripresa in ambito commerciale dall’azienda statunitense Assistyx™ che ha sviluppato un programma, il Tap to Talk™ che permette di realizzare tabelle di comunicazione da utilizzarsi con il Nintendo DS (anche nelle versioni Dsi, DS lite, DsiXL).

        Schermata del software Tap to Talk ™,    dispositivi su cui è possibile usare il programma

Figura 2 Schermata del software Tap to Talk ™, dispositivi su cui è possibile usare il programma

Il Tap to Talk™ mette a disposizione dell’utilizzatore una libreria di immagini (composta da 2.500 figure) oltre ad offrire la possibilità di inserire immagini personalizzate (solo però in formato bitmap) e file audio; il programma può inoltre essere utilizzato in abbinamento ad una sintesi vocale.

Le tabelle del software Tap toTalk™ devono essere create su una piattaforma online, dove vengono immagazzinate; è pertanto necessario che l’utente disponga di una connessione internet per poter utilizzare il programma.

L’aspetto più interessante di questo software è che può essere utilizzato anche con altri dispositivi come l’I-Phone e l’I-pad della Apple.

Conclusioni

Queste recenti applicazioni del sistema portatile per il gioco Nintendo DS come ausilio per la CAA sono sicuramente interessanti e promettenti in quanto potrebbero aprire la strada - e di fatto, con la creazione di programmi utilizzabili anche con I-Phone e I-pad, questo sta già accadendo – a successivi utilizzi di dispositivi mainstream con utilizzatori con bisogni comunicativi speciali.

Nintendo DS è un dispositivo dal prezzo contenuto (se paragonato a un comunicatore con display dinamico), leggero, portatile e con un’ottima accettabilità sociale, fatto non trascurabile, specialmente se l’utilizzatore è un bambino.

Esistono tuttavia dei limiti.

Il nintendo DS non è infatti utilizzabile da chi presenti limitazioni motorie degli arti superiori, l’attivazione deve essere infatti effettuate attraverso il tocco, con un piccolo stilo o con le dita, su di uno schermo di ridotte dimensioni. Chi presenta limitazioni motorie importanti (ad esempio forme tetraparetiche di  paralisi cerebrale infantile) o anche solo  un ritardo motorio di una certa entità troverà dunque questo dispositivo non accessibile.

Questo strumento, inoltre, non si presta ad essere impiegato come ausilio per la comunicazione in contesti rumorosi (per esempio in ambienti esterni o in luoghi come la scuola la palestra, i centri ecc.) poiché il volume del dispositivo non è sufficientemente alto, diversamente da quanto accade per dispositivi appositamente realizzati per la CAA.

Nonostante queste criticità, Nintendo DS, unitamente ad un software dedicato, come il sopra descritto programma gratuito Nintendo DS Talker, può costituire un utile strumento per valutare – con costi molto ridotti – il  possibile uso  di comunicatori a display dinamico dedicati da parte di  soggetti con linguaggio verbale assente o limitato e con buone potenzialità motorie.

 

Articoli correlati presenti sul nostro sito

I comunicatori con display dinamico

Librerie di simboli e di immagini a libera diffusione: una risorsa per gli interventi di Comunicazione Aumentativa e Alternativa (seconda parte)

Librerie di simboli e di immagini a libera diffusione: una risorsa per gli interventi di Comunicazione Aumentativa e Alternativa (prima parte)

La comunicazione aumentativa e alternativa 

La comunicazione aumentativa con soggetti affetti da autismo

 

 

LINK

Pagina da cui è possibile scaricare il programma Nintendo DS talker

http://www.sclera.be/index.php?page=download&id=2

Sito Tap toTalk™

http://www.taptotalk.com/index.aspx

Pittogrammi Sclera (set gratuito di immagini per la CAA)

http://www.sclera.be/index.php?taal=ENG