.

Scuola e didattica: la tecnologia assistiva in classe

Scuola e didattica: la tecnologia assistiva in classe

del: 18/11/2021

Dott.ssa Elisa Medici - Terapista Occupazionale

Studenti che presentano difficoltà di apprendimento possono avere bisogno di piccoli o grandi adattamenti nella loro quotidianità in classe. Le difficoltà che si riscontrano si possono compensare completamente o possono diminuire grazie all’introduzione di tecnologie assistive, ovvero un qualsiasi tipo di strumento tecnologico che aiuti la persona durante le attività della propria giornata.

Questi strumenti mirano ad offrire a tutti gli studenti pari opportunità di apprendimento e di inclusione.

Di seguito proponiamo una selezione tratta dalle nostre guide agli ausili, nella quale abbiamo cercato di dare evidenza agli strumenti che possono essere utili per rendere accessibile l’ambiente di lavoro in classe, da adattare ovviamente alle specificità degli utilizzatori.

DIFFICOLTÀ’ VISIVE
L’impostazione ambientale tipica della classe può causare un grande sforzo fisico ed emotivo da parte dello studente cieco o ipovedente.
Questi hanno generalmente difficoltà a leggere, scrivere, distinguere forme e colori, orientarsi negli spazi.
La tecnologia assistiva offre a questi studenti supporti audio o tattili come screen reader (JAWS, Supernova)sistemi OCRsupporti Braille di diverso tipo, oltre alla possibilità di ingrandire gli elementi con cui interagire grazie a videoingranditori (come ad esempio Transformer, particolarmente adatto per l’utilizzo in classe) e tastiere ad alto contrasto (tastiera QueenKey o Tastiera XL con diverse combinazioni di colori).

DIFFICOLTÀ’ UDITIVE
Le difficoltà scolastiche quotidiane degli studenti che presentano questa problematica vanno dal non capire le diverse consegne che vengono fornite dall’insegnante a non riuscire a comunicare con i propri coetanei, limitando in questo modo le esperienze di partecipazione.
Per compensare queste difficoltà, è possibile utilizzare in classe software di sottotitolazione, come ad esempio Communico: lo studente legge sul proprio monitor ciò che l'insegnante dice.
Inoltre, per aumentare le possibilità di scambio relazionale con i compagni, è possibile personalizzare un comunicatore con feedback a grande impatto visivo e GIF animate (che potrebbero ad esempio riproporre la LIS) tramite software come Mind Express.

DIFFICOLTA’ DI COMUNICAZIONE
Le cause di queste difficoltà possono essere molteplici, dai problemi di articolazione, voce e fluidità della parola a disturbi associati a patologie più ampie, come il disturbo dello spettro autistico.
La difficoltà di comunicazione può essere causa di forte stress e frustrazione per l’alunno, determinando così un isolamento rispetto al gruppo classe.

I sistemi di comunicazione e software, che presentano sintesi vocali, tastiera a video, previsione di parola e molto altro ancora, sono ottimi strumenti per facilitare la comunicazione tra gli studenti e con l'insegnante.
I comunicatori possono essere supporti a bassa tecnologia, come i diversi Set Eccome, o ad alta tecnologia, come ad esempio Comunikit Autismo. Questi strumenti vanno scelti in base all’età, alle capacità, alle competenze comunicative dell’utilizzatore.
Esistono inoltre altri supporti come Comunikit Eccomemo che mirano a fornire agli insegnanti diversi strumenti per supportarli nella creazione di un progetto che accompagnare l’alunno nello sviluppo comunicativo.

DIFFICOLTA’ MOTORIE
A causa di limitazioni fisiche di diversa natura (patologie degenerative, PCI,..) alcuni studenti necessitano di supporti specifici per compensare le difficoltà nei movimenti fini o grossolani.
Le tecnologie assistive forniscono ausili per migliorare l’accesso al PC attraverso metodi di accesso non tradizionali come l’uso di joystick (ad esempio Optima), trackball (come Big Track), scansione con diverse tipologie di sensori (trovate qui un approfondimento sulla scansione: La scansione, cosa è, come si può realizzare, quali problemi può presentare)
E’ possibile come già visto avvalersi di tastiere con diverse dimensioni e formati, su cui inserire uno scudo per impedire le digitazioni ripetute e involontarie.

Oltre all’adattamento del supporto hardware, tra le tecnologie assistive troviamo software specifici per la creazione di contenuti didattici personalizzati, come Mind Express o Clicker.
Esistono inoltre supporti come Comunikit School che uniscono componente hardware e software personalizzabile e modificabile rispetto alle caratteristiche motorie dello studente, così da garantire la compatibilità tra le diverse componenti.

DISTURBI SPECIFICI DELL’APPRENDIMENTO
A questa categoria “ombrello” corrispondono diversi tipi di difficoltà, quali dislessia, disgrafia, discalculia, disortografia.
Audiolibri e software per la lettura vocale sono un valido aiuto per sostenere nell’apprendimento questi studenti, oltre a software per la creazione di mappe concettuali e per il potenziamento della memoria.
Raccogliere tutte queste possibilità in un unico strumento come Comunikit DSA permette di utilizzare le stesse app con le stesse modalità in qualsiasi contesto e ambiente.
Ciò consente di sviluppare un metodo di apprendimento solido che accompagni la persona nel suo percorso scolastico.

PLURIDISABILITA’
Le difficoltà sopra elencate possono interessare la stessa persona; è pertanto necessario combinare un sistema tenendo conto delle specificità dello studente, e, contemporaneamente, delle possibilità di interazione e compatibilità tra i vari strumenti tecnologici.
Una tra le tante proposte è Comunikit Inclusione, adatto anche a bambini piccoli o con disabilità plurime gravemente invalidanti per l’aspetto relativo alla partecipazione sociale.


La scelta degli ausili va sempre compiuta in condivisione con l’equipe e con le altre figure che partecipano alla realizzazione del progetto individuale.
Noi comunque offriamo un servizio di approfondimento per individuare gli ausili più appropriati dal punto di vista tecnico.
Potete richiederci un incontro anche virtuale per un confronto sui casi o specifici strumenti.
Contattateci quindi scrivendo a consulenza@leonardoausili.com o telefonando al numero 3408685900.

Elisa Medici - Terapista Occupazionale

e.medici@leonardoausili.com

Prodotti correlati